CREARE LA PLAYLIST PERFETTA SU SPOTIFY

Questo articolo ha l’obiettivo di illustrare i metodi più efficaci per creare una playlist su Spotify a regola d’arte, adatta ad ogni occasione di ascolto, individuale o in compagnia.

Che si ascolti rock, pop, indie o hip-hop, da sempre la musica ha la capacità incredibile di scandire in modo indelebile le nostre giornate e dare un colore ai nostri ricordi. La playlist costituisce infatti la chiave vincente per ascoltare la musica che amiamo, in modo da creare una vera e propria colonna sonora di ogni nostra esperienza. Non è tuttavia scontato riuscire a raggiungere un risultato efficace, vario e coerente. Ecco tutti i passaggi per realizzare con successo una playlist, su Spotify in modo semplice ed originale. 

I passaggi manuali per creare una playlist su Spotify

Prima di entrare nei particolari, è importante capire i passaggi pratici per creare la playlist e modificare le tracce. Una volta creato il nostro account Spotify, attraverso il sito ufficiale, oppure l’applicazione per smartphone e tablet, andiamo nella sezione “La mia libreria” e selezioniamo “Crea playlist”; dopo aver inserito il titolo che desideriamo, possiamo selezionare le tracce direttamente dalla playlist appena creata, oppure effettuare il passaggio dalle canzoni salvate; basta scegliere la canzone, cliccare sui tre pallini sulla destra e selezionare “Aggiungi alla playlist”; una volta scelta la playlist dove inserire la traccia, il gioco è fatto. 

Seguire un filo conduttore

Nel selezionare le tracce, è fondamentale seguire un tema, un filo conduttore, in modo tale che la musica possa davvero diventare lo strumento perfetto per goderci ogni esperienza, da soli o in compagnia. Per esempio, un’ottima idea è quella di fare riferimento a un particolare mood, ovvero stato d’animo: una playlist per i momenti di serenità, oppure per una giornata particolarmente triste; una sequenza rilassante, piuttosto che una più energica. Un’altra interessante e molto utile possibilità è quella di creare la playlist pensando di sfruttarla in un’occasione specifica, per esempio durante una festa, un viaggio, una serata speciale. 

Playlist su Spotify: scelta delle tracce

 Una volta scelto il filo conduttore, si può passare alla scelta delle canzoni. Ma qual è il modo migliore per orientarsi attraverso le centinaia di artisti seguiti da ognuno di noi su Spotify, tra le migliaia di canzoni scaricate nella nostra libreria? Ci vuole ordine e un certo criterio, per raggiungere il più efficace risultato possibile ed evitare di creare una playlist piatta o della lunghezza sbagliata. 

L’arma fondamentale contro la monotonia è selezionare tracce di artisti diversi: è importante non aggiungere troppi pezzi dello stesso gruppo o dello stesso cantante. La varietà di lingua, voci e scritture renderà l’ascolto piacevole e mille volte più interessante. 

Per quanto riguarda il genere, invece, può tranquillamente essere vario come uniforme, in quanto ogni categoria musicale racchiude infinite possibilità di combinazione all’interno del proprio repertorio. E perché no, il genere stesso può costituire un valido filo conduttore. 

Un consiglio utile può essere quello di aggiungere canzoni mai sentite o poco conosciute, magari selezionate dalle playlist di Spotify predefinite, dalle nuove uscite, da un album che ci incuriosisce da tempo, seguendo il nostro istinto. Ciò contribuirà a rendere la sequenza molto più intrigante ed originale; inoltre può rivelarsi un ottimo modo per conoscere musica nuova ed inesplorata. A tal proposito, risulta efficace anche tenere aggiornata la playlist, man mano che ci diventa familiare e che ogni traccia ci entra nelle orecchie, come un costante “lavori in corso”. Per poter modificare la playlist, ovvero togliere o aggiungere tracce, nonché cambiare il loro ordine, basta servirsi dei pallini in alto a destra e selezionare “Modifica dettagli”. 

Può rivelarsi utile, inoltre, farsi aiutare da un amico che abbia dei gusti affini ai nostri: confrontarsi è un ottimo modo per non perdersi nuove uscite o pezzi interessanti, che magari lui ha notato prima di noi. A tal proposito, Spotify offre la possibilità di rendere la playlist collaborativa, in modo tale che ognuno possa modificarla indipendentemente, attraverso il proprio account. Per rendere la nostra playlist collaborativa, basta selezionare i tre pallini in alto a destra e selezionare “Playlist collaborativa”. 

Durante la scelta delle tracce può rivelarsi utile osservare le playlist che seguiamo sull’app, predefinite o create dai nostri amici (una volta salvate, le playlist compariranno direttamente nella nostra libreria); prendere ispirazione da account che ci piacciono o dalle sequenze predefinite è un ottimo modo per sviluppare la nostra creatività nel creare playlist inedite. 

La scelta del titolo e dell’immagine di copertina

Una volta scelto il filo conduttore e scelte le nostre tracce attraverso i passaggi appena descritti, possiamo modificare il titolo della nostra playlist per renderlo più adatto al tema su cui ci siamo concentrati. La playlist ha preso infatti, a questo punto, una forma e un’identità e il titolo scelto all’inizio potrebbe non rispecchiare più tale identità. Può essere interessante selezionare un titolo creativo, ipotizzare un gioco di parole, utilizzare un titolo di una traccia inserita; dal pc è inoltre possibile modificare l’immagine di copertina della playlist; tali modifiche ci permetteranno di rendere la playlist sempre più creativa ed originale.

Per modificare il titolo basta selezionare la playlist dall’app, cliccare sui tre pallini in alto a destra e selezionare “Modifica”, per poi inserire il titolo desiderato. – Per scegliere la nostra immagine di copertina dal pc, invece, bisogna accedere a Spotify attraverso l’app; una volta scelta una delle nostre playlist, basta cliccare sull’immagine di copertina predefinita per poi scegliere la foto da noi desiderata. 

Creare una playlist segreta

Nel caso in cui desideriamo che la playlist appena creata possa essere visibile solo al nostro account, nel caso in cui si tratti di una sequenza personale e che non abbiamo intenzione di mantenere pubblica, Spotify offre la possibilità di renderla segreta. Per fare ciò, basta selezionare i soliti pallini in alto a destra e cliccare “Rendi segreta”. 

Metodi di riproduzione della playlist su Spotify

Possiamo ascoltare la nostra nuovissima playlist attraverso l’app ufficiale di Spotify, oppure attraverso il lettore web di Spotify, utilizzando un comune browser di ricerca. Il modo migliore di riprodurla è senza dubbio quello di utilizzare la riproduzione casuale, in modo tale da poter sfruttare l’effetto sorpresa e ascoltare le tracce in ordine sempre diverso, altra soluzione contro la monotonia. L’alternativa è quella di seguire l’ordine stesso della playlist da noi creata, oppure quella di creare una coda di canzoni, per ascoltarle nell’ordine che preferiamo. Per fare ciò, basta scegliere una traccia alla volta, selezionare i pallini sulla destra e cliccare su “Aggiungi alla coda”.